Tonnellate di buste di plastica illegali sul mercato e sull’ambiente italiano

Il 7 settembre 2022 la Commissione Parlamentare d’inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati  ECOMAFIE ha pubblicato la relazione finale sul mercato illegale delle buste di plastica-shopper.
In questo rapporto la Commissione ha approfondito la tematica della produzione e immissione sul mercato di borse di plastica monouso formate di materiali compostabili e biodegradabili, che dal 2018 devono obbligatoriamente sostituire le borse di plastica come previsto dal Decreto Legislativo 152/2006.

Le shoppers biodegradabili sono state introdotte per contrastare il fenomeno della “produzione-consumo-scarto”, migliorare la qualità del riciclo del prodotto ed evitarne la dispersione nell’ambiente.
Il rapporto redatto dalla commissione ECOMAFIE mostra però come non tutti gli esercenti siano allineati sul rispetto della legge. In particolare,  dall’indagine è emerso che 4 sacchetti su 10 in circolazione non sono a norma. Inoltre, tra i principali attori che immettono nell’ambiente shoppers non regolari si individuano esercenti al dettaglio e mercanti rionali.

Secondo la società Plastic Consult, nel 2021 sono state consumate 76 mila tonnellate di plastica monouso: fra queste, però, vi sono conteggiate anche le plastiche  non a norma. La loro presenza nel mercato è da ricondursi ai vantaggi economici derivanti dal minor costo della materia prima  rispetto a quello della  plastica biodegradabile e compostabile, ma anche dalla mole di denaro mossa dalla compravendita delle stesse. È doveroso menzionare infatti, che la gestione degli introiti proveniente dal mercato delle buste di plastica illegali è pienamente in mano alla criminalità organizzata, che utilizza questo mercato come fonte di risorse e come mezzo per un maggiore controllo territoriale sugli esercenti  di piccole dimensioni.

La Commissione parlamentare ha già effettuato sequestri di tonnellate di buste di plastica non a norma e provveduto a multare gli imprenditori responsabili.

Per approfondimenti:
Relazione della Commissione Ecomafia sugli shoppers, Polimerica.
 

Leggi anche:
Bioplastiche: definizione e sostenibilità, Beataladifferenziata.

Anna Ferrari

Data